La Bibbia

Sapienza 2

Sapienza

Ritornare all Indice

Capitolo 3

1

 

 Al suo posto sorse il figlio di lui Giuda, chiamato Maccabeo; 

 

 


2

 

 lo aiutavano tutti i fratelli e quanti si erano legati al padre e conducevano la battaglia d'Israele con entusiasmo. 

 

 


3

 

 Egli accrebbe la gloria del suo popolo, rivestì la corazza come gigante, cinse l'armatura di guerra e impegnò battaglia difendendo il campo con la spada. 

 

 


4

 

 Nelle sue gesta fu simile a leone, come leoncello ruggente sulla preda. 

 

 


5

 

 Inseguì gli empi braccandoli; i perturbatori del popolo distrusse con il fuoco. 

 

 


6

 

 Gli empi sbigottirono per paura di lui e tutti i malfattori furono confusi e si avviò la salvezza per mano di lui. 

 

 


7

 

 Inflisse amarezze a molti re, rallegrò con le sue gesta Giacobbe; sempre la sua memoria sarà benedetta. 

 

 


8

 

 Egli passò per le città di Giuda e vi disperse gli empi e distolse l'ira da Israele. 

 

 


9

 

 Divenne celebre fino all'estremità della terra perché radunò coloro che erano sperduti. 

 

 


10

 

 Apollonio radunò dei pagani e un forte esercito dalla Samaria per combattere Israele. 

 

 


11

 

 Giuda lo seppe e avanzò contro di lui, lo sconfisse e lo uccise; molti caddero colpiti a morte e i superstiti fuggirono. 

 

 


12

 

 Così si impadronirono delle loro spoglie e Giuda si riservò la spada di Apollonio e l'adoperò in guerra per tutto il tempo della sua vita. 

 

 


13

 

 Quando Seron, comandante delle forze di Siria, seppe che Giuda aveva radunato un contingente e c'era con lui uno stuolo di fedeli e uomini preparati alla guerra, 

 

 


14

 

 disse: «Mi farò un nome e mi coprirò di gloria nel regno combattendo Giuda e i suoi uomini che hanno disprezzato gli ordini del re». 

 

 


15

 

 Fece i preparativi e si unì a lui un forte gruppo di empi per aiutarlo a vendicarsi degli Israeliti. 

 

 


16

 

 Si spinse fino alla salita di Bet-Coròn e Giuda gli andò incontro con piccola schiera. 

 

 


17

 

 Ma come videro lo schieramento avanzare contro di loro, dissero a Giuda: «Come faremo noi così pochi ad attaccar battaglia contro una moltitudine così forte? Oltre tutto, siamo rimasti oggi senza mangiare». 

 

 


18

 

 Giuda rispose: «Non è impossibile che molti cadano in mano a pochi e non c'è differenza per il Cielo tra il salvare per mezzo di molti e il salvare per mezzo di pochi; 

 

 


19

 

 perché la vittoria in guerra non dipende dalla moltitudine delle forze, ma è dal Cielo che viene l'aiuto. 

 

 


20

 

 Costoro vengono contro di noi pieni d'insolenza e di empietà per eliminare noi, le nostre mogli e i nostri figli e saccheggiarci; 

 

 


21

 

 noi combattiamo per la nostra vita e le nostre leggi. 

 

 


22

 

 Sarà lui a stritolarli davanti a noi. Voi dunque non temeteli». 

 

 


23

 

 Quando ebbe finito di parlare, piombò su di loro all'improvviso e Seron con il suo schieramento fu sgominato davanti a lui; 

 

 


24

 

 lo inseguirono nella discesa di Bet-Coròn fino alla pianura. Di essi caddero circa ottocento uomini, gli altri fuggirono nella regione dei Filistei. 

 

 


25

 

 Così cominciò a diffondersi il timore di Giuda e dei suoi fratelli e le genti intorno furon prese da terrore. 

 

 


26

 

 La fama di lui giunse fino al re e delle sue imprese militari parlavano le genti. 

 

 


27

 

 Quando il re Antioco seppe queste cose, si adirò furiosamente e diede ordine di radunare tutte le forze militari del suo regno: un esercito grande e potente. 

 

 


28

 

 Aprì l'erario e diede alle truppe il soldo per un anno, ordinando loro di star pronti per ogni evenienza. 

 

 


29

 

 Ma si accorse che non bastavano le riserve del suo tesoro e che le entrate del paese erano poche a causa delle rivolte e delle rovine che aveva provocato nella regione per estirpare le tradizioni che erano in vigore dai tempi antichi; 

 

 


30

 

 temette di non poter disporre, come altre volte in passato, delle risorse per le spese e i doni, che faceva con mano prodiga, superando i re precedenti. 

 

 


31

 

 Allora si sentì grandemente angustiato e prese la decisione di invadere la Persia, per riscuotere i tributi di quelle province e ammassare molto denaro. 

 

 


32

 

 Lasciò Lisia, uomo illustre e di stirpe regia, alla direzione degli affari del re dall'Eufrate fino ai confini dell'Egitto 

 

 


33

 

 e con l'incarico di curare l'educazione del figlio Antioco fino al suo ritorno. 

 

 


34

 

 A lui affidò metà dell'esercito e gli elefanti e gli diede istruzioni per tutte le cose che voleva fossero eseguite; riguardo agli abitanti della Giudea e di Gerusalemme, 

 

 


35

 

 gli ordinò di mandare contro di loro milizie per distruggere ed eliminare le forze d'Israele e quanto restava in Gerusalemme e cancellare il loro ricordo dalla regione; 

 

 


36

 

 di trasferire degli stranieri su tutti i loro monti e di distribuire le loro terre. 

 

 


37

 

 Il re poi prese l'altra metà dell'esercito e partì da Antiochia, la capitale del suo regno, nell'anno centoquarantasette; passò l'Eufrate e percorse le regioni settentrionali. 

 

 


38

 

 Allora Lisia scelse Tolomeo, figlio di Dorìmene, Nicànore e Gorgia, uomini potenti tra gli amici del re 

 

 


39

 

 e spedì ai loro ordini quarantamila uomini e settemila cavalli nel paese di Giuda per devastarlo secondo il comando del re. 

 

 


40

 

 Questi partirono con tutte le truppe e andarono ad accamparsi vicino ad Emmaus nella pianura. 

 

 


41

 

 I mercanti della regione ne ebbero notizia e si rifornirono molto di oro e di argento e di catene e vennero presso l'accampamento per acquistare come schiavi gli Israeliti. A quelle truppe si aggiunsero forze della Siria e di paesi stranieri. 

 

 


42

 

 Giuda e i suoi fratelli videro che i mali si erano aggravati e che l'esercito era accampato nel loro territorio e vennero a conoscenza che il re aveva ordinato di attuare la distruzione totale del loro popolo. 

 

 


43

 

 Allora si dissero l'un l'altro: «Facciamo risorgere il popolo dalla sua rovina e combattiamo per il nostro popolo e per i nostri luoghi santi». 

 

 


44

 

 Si radunò l'assemblea per prepararsi alla battaglia e per pregare e chiedere pietà e misericordia. 

 

 


45

 

 Gerusalemme era disabitata come un deserto, nessuno dei suoi figli vi entrava o ne usciva, il santuario era calpestato, gli stranieri erano nella fortezza dell'Acra, soggiorno dei pagani. La gioia era sparita da Giacobbe, erano scomparsi il flauto e la cetra. 

 

 


46

 

 Si radunarono dunque e vennero in Masfa di fronte a Gerusalemme, perché nei tempi antichi Masfa era stato luogo di preghiera in Israele. 

 

 


47

 

 In quel giorno digiunarono e si vestirono di sacco, si sparsero la cenere sul capo e si stracciarono le vesti. 

 

 


48

 

 Aprirono il libro della legge per scoprirvi quanto i pagani cercavano di sapere dagli idoli dei loro dei. 

 

 


49

 

 Portarono le vesti sacerdotali, le primizie e le decime e fecero venire avanti i Nazirei, che avevano compiuto i giorni del loro voto, 

 

 


50

 

 e alzarono la voce al cielo gridando: «Che faremo di costoro e dove li condurremo, 

 

 


51

 

 mentre il tuo santuario è conculcato e profanato e i tuoi sacerdoti sono in lutto e desolazione? 

 

 


52

 

 Ecco i pagani si sono alleati contro di noi per distruggerci; tu sai quello che vanno macchinando contro di noi. 

 

 


53

 

 Come potremo resistere di fronte a loro, se tu non ci aiuterai?». 

 

 


54

 

 Diedero fiato alle trombe e gridarono a gran voce. 

 

 


55

 

 Dopo questo, Giuda stabilì i condottieri del popolo, i comandanti di mille, di cento, di cinquanta e di dieci uomini. 

 

 


56

 

 Disse a coloro che costruivano case o che stavano per prendere moglie, a quelli che piantavano la vigna o che erano paurosi, di tornare a casa loro, secondo la legge. 

 

 


57

 

 Poi levò il campo e si disposero a mezzogiorno di Emmaus. 

 

 


58

 

 Giuda ordinò: «Cingetevi e siate forti e state preparati per l'alba di domani a dar battaglia a questi stranieri che si sono alleati per distruggere noi e il nostro santuario. 

 

 


59

 

 Del resto è meglio per noi morire in battaglia che vedere poi la rovina della nostra gente e del santuario. 

 

 


60

 

 Il Cielo farà succedere gli avvenimenti secondo quanto è stabilito lassù». 

 

 


Sapienza 4

 

 

 

HTMLBible Software - Public Domain Software by johnhurt.com

 


Other Items are Available At These Sites: